Questa convivenza non s’ha da fare, né ora né mai


Oggi il Latitante è in modalità ottimista. Il che succede solo quando Venere è in Pesci e Saturno nell’ottava casa, ovvero praticamente mai. E il suo ottimismo sta iniziando a spaventarmi anche più del suo pessimismo cosmico dominante, che, essendo standard, ormai ho imparato a gestire abbastanza bene.

Oggi vede il nostro futuro insieme, cosa sulla quale non sarei poi così disposta a giurare. E lo vede in una casa con un camino. Ora: noi siamo entrambi totalmente spiantati e, in quattro anni di relazione, non è mai successo che lui pensasse a mettere da parte un singolo centesimo in vista della possibilità di una convivenza. Ne consegue che l’unico appartamento in cui potremmo azzardarci a pensare di vivere è il mio, ovvero un trilocale che arriva sì e no a sessanta metri quadri e dove, se mettessimo un camino, dovremmo andare a dormire sul terrazzo perché per noi di spazio in casa non ne rimarrebbe.

Per lui tra l’altro il camino lo dovremmo mettere in camera da letto, ovvero nel posto più inutile e pericoloso di tutta la casa, trasformandoci peraltro negli unici coglioni al mondo che non riuscirebbero a dormire per il caldo anche quando fuori ci sono quindici gradi sotto zero.

Per me, visto che non c’è la canna fumaria, il camino ce lo dobbiamo scordare. Non che mi dispiacerebbe averne uno ma, nella lista delle mie priorità, non è mai stato in pole position, anzi viene appena dopo “trascorrere un anno in ascetica levitazione in Tibet” e subito prima di “imparare a suonare la phorminx”, insomma sta appena sopra della zona “dieci cose da fare/avere quando stai per arrivare alla canna del gas”.

Per un po’ il discorso canna fumaria aveva funzionato. Ed era tutto in buona fede perché nemmeno io sapevo che esistessero dei camini che non necessitano di averla, ma il Latitante, nel corso dei suoi cazzeggi pomeridiani, sembrerebbe aver scoperto il contrario e me l’ha documentato con svariati links.

Ora: il camino, quello classico, con la legna che schiocca, può anche avere il suo valore estetico e romantico, seppure a me incomprensibile, ma questi aggeggi moderni sono davvero osceni. Trattasi di finestre incastrate nel muro all’interno delle quali si vede una fiamma che presumo essere finta. L’effetto è quello di un forno crematorio con vista sulla bara che brucia. Sul fatto che possa scaldare ho seri dubbi e sul valore decorativo direi che è a dir poco trash.

Inoltre, per chi come noi non avesse lo spazio per l’incastro a parete, esiste una versione “a piedistallo”, una specie di braciere olimpico in formato ridotto, sulla cui indecenza non ho parole per pronunciarmi.

Ho sempre sostenuto, e lo ribadisco anche in questa sede, di avere un animo con profonde venature kitsch, se così non fosse non riuscirei ad ascoltare The XX andando in loop eterno su canzoni che starebbero benissimo al posto di quella di Sia nella colonna sonora di OC (è un insulto pateticamente carino n.d.r.).
Ma a tutto c’è un limite.

So di avere gusti dubbi ed alquanto discutibili e questo si estende anche al settore arredamento, ma maschere africane in legno, acchiappasogni, tappeti murari e altre oscenità del genere mi rispecchiano in tutta la mia follia e mi fanno sentire a casa. Mentre questi camini moderni mi farebbero solo venir voglia di scappare di casa.

Già mi vedo a svegliarmi di notte, alzare la testa dal materasso ed ammirare la finestrella crematoria chiedendomi nel sonno se sono nell’anticamera dell’inferno, al luna park, in un bordello o nel mio appartamento. E so che quando arriverei a capire che la crocetta va correttamente apposta sulla quarta opzione, avvolta nelle nebbie di Morfeo potrei fare una strage.

Annunci

15 risposte a "Questa convivenza non s’ha da fare, né ora né mai"

  1. Ti consola sapere che ogni tanto mio marito vuole adottare un elefante da mettere in terrazzo? La mia casa è composta da: stanza da letto con bagno e cucina+terrazzo…
    P.S: vedi se si consola con un quadro raffigurante il suo bel camino.

    1. Il camino che vorrebbe (l’ultimo che mi ha fatto vedere) si assomiglia ad un quadro e a me sembra come quando vai nei musei di arte contemporanea e ci sono queste installazioni che ritraggono persone che si muovono e che ti guardano quando tu gli passi davanti. E mi dico: non potremmo farne a meno di questa schifezza inquietante???
      Uff finisce che poi fa l’offeso. Ma stavolta non voglio muovermi dalla mia posizione

    1. No no per carità. Alla fine ha trovato anche una versione appendibile che secondo lui sarebbe perfetta da mettere sopra al letto. Io gli dico “Ma anche no” e lui fa l’offeso. Vabbè stavolta se la deve far passare, io quel “coso” non lo voglio!!

      1. Che poi, a dirla tutta, al di là del fattore estetico e di gusto (che non è trascurabile, dal momento che è casa tua), il camino in camera da letto fa male!!!
        Compragli un pigiama di flanella, se sente freddo… 😀

        1. Io gli compro qualsiasi cosa purchè si tolga dalla testa questa storia del camino, ma so quanto sia testardo e temo che alla fine mi prenderà per sfinimento e dovrò spaventarmi ogni volta che rientro a casa.
          Però in camera da letto è davvero pericoloso, quindi credo che finiremo con un patteggiamento (lui di sicuro se ne intende molto più di me) e metteremo questa “entità” in salotto.
          Per ora voglio provare a deviare i suoi interessi altrove: vediamo se funziona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...