Office Vintage 1997 BeforeChrist Flintstones Edit

All’Obitorio siamo in vena di novità ultimamente. CapoPalla, il mio signore e padrone lavorativo, fulminato dalle ansie pre Spending Review, aveva disposto che cambiassimo i pc. Non tutto fortunatamente, solo alcuni pezzi, in compatibilità con già allora ridotte finanze di questo posto.

Ieri, dopo un’attesa troppo troppo breve, la fornitura è arrivata e Omino_Di_Pc (adoro gli underscores) era pronto in loco per procedere all’installazione.

Non sarebbe servito a nulla chiedergli di lasciare il mio pc per ultimo, stamattina mi sarei trovata comunque in alto mare come sono. Con uno schermo a 6000 pollici che più lo guardo e più penso che sia un buco nero, travestito di bianco, dal quale presto verrò risucchiata senza pietà. Se le mie paranoiche predizioni fossero invece sbagliate potrei ricettarlo ad un cinema, ammesso non sia troppo grande.

Ma non solo: mi ritrovo anche un mouse nuovo, ottico, di quelli che vanno dove ne hanno voglia. Dopo aver maledetto in quindici lingue diverse la sua anarchia motoria, ho tentato il colpo di stato, provando a sostituirlo con quello vecchio. Purtroppo non c’è stato verso e, poiché io e le tecnologie abbiamo un rapporto d’odio reciproco, ho pensato di lasciar perdere (almeno temporaneamente) e rassegnarmi a vivere la mia giornata lavorativa con entrambe le mani appiccicate al mouse, nella speranza che inizi a collaborare. E nella ancor più vivida ed improbabile speranza che, ripetendomi svariati mantra sulla calma e sulla sopportazione, i miei nervi rimangano abbastanza saldi da non farmelo buttare giù dalla finestra.
Le parolacce ormai si sprecano, ma a quelle chi mi gravita intorno qui all’Obitorio è già abituato.

Dulcis in fundo, ho persino una nuova versione di Office, la 2010 mi pare. Non so se sia la più recente, ma di certo è meno retrò del mio adorato Office Vintage 1997 BeforeChrist Flintstones Edit, che ho sempre considerato il top in quanto mi consentiva di fare le sei/sette cose che mi servivano e non mi faceva deragliare il mononeurone, proponendomi azioni di cui non conosco nemmeno il significato e nascondendo l’icona della stampante in un’altra schermata.

Quindi, dopo giorni di cazzeggio quasi ininterrotto, sono ufficialmente una donna impegnata in un’impresa che non mi riuscirà mai, ovvero creare termini di pacifica convivenza con le tecnologie più avanzate. Come da copione mi ci vorranno minimo cinque anni e nel frattempo staremo già su punto di comprare qualcosa di più evoluto. Oppure saremo stati tutti licenziati e non si porrà più alcun problema né tecnologico né di altro genere.

Comunque trovo ingiusto questo atteggiamento persecutorio nei miei confronti. Non si può chiedere a una donna che non sa usare né il microonde né la lavastoviglie di avere a rapporti compromettenti con softwares ed hardwares nuovi all-in-one. Insomma, ragioniamoci, non conosco nemmeno le tecnologie femminili, come potrei mai apprendere quelle maschili?

Pc, cellulari, playstation, navigatori satellitari, lettori MP3 sono totalmente al di fuori della mia giurisdizione, quindi, se proprio li devo usare, almeno fatemi il favore di rendermi la vita facile. O mi date modelli versione “Anche tua nonna ce la farebbe” oppure mi mettete al seguito un maschio tecnologico, anche sfigato va bene, che mi faccia da balia per il resto dei miei giorni lavorativi (leggasi “eternità”).

E poiché le assunzioni sono bloccate per le prossime sei ere geologiche, non vi resta che ridarmi il mio Office Vintage 1997 BeforeChrist Flintstones Edit: a rianimare il vecchio mouse con corda ad inciampo ci penso io.

Annunci

2 risposte a "Office Vintage 1997 BeforeChrist Flintstones Edit"

  1. Io me la cavo piuttosto bene con la tecnologia! Ma comprendo l’inutilità di alcuni aggiornamenti come il tuo nuovo office. La maggior parte delle icone non servono a nulla e se cerchi qualcosa non la troverai facilmente. Serve una valanga di spirito di adattamento 😐

    1. Io non sono una ventenne-play-station-munita e non sono nemmeno troppo brava in genere con le cose tecnologiche: credo che mi adatterei più facilmente a vivere nella giungla che ad avere delle schede diverse per i comandi invece che tutto sulle stesse barre immediatamente visibili e cliccabili. Mi adatterò, mi sono sempre adattata a tutto ma non mi piace 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...